Dom, 27 Nov, 2022

Case Cit Caselle e Mappano si parte. Entro la prima quindicina di ottobre al via i lavori

Case Cit Caselle e Mappano si parte. Entro la prima quindicina di ottobre al via i lavori

Sarà fatto il cappotto, sostituiti i serramenti e il riscaldamento e a Caselle anche la fognatura

Ci siamo. l'area di cantiere è già stata delimitata in ponteggi sono già stati montati o sono in fase di montaggio.

Dopo un'estate certo non facile, gli intoppi legati al superbonus 110%, la carenza di manodopera e materiali, la rivisitazione del progetto (che ha determinato alcune modifiche) il CIT - Consorzio Intecomunale Torinese - è pronto, o quasi ormai, a far partire entro la prima quindicina di ottobre i due cantieri, a Caselle e Mappano, per l'efficientamento energetico degli stabili di sua proprietà.

No, non si preoccupino le 168 famiglie di Caselle e le 77 di Mappano, quanto deciso sarà fatto: cappotto, serramenti, riscaldamento, e a Caselle anche tetto e fognature. Quel che cambia è sostanzialmente, rispetto al progetto originario il riscaldamento: il CIT avrebbe voluto sostituire le caldaiette autonome di ciascun appartamento  con un sistema centralizzato. A causa di alcune difficoltà il riscaldamento rimarrà autonomo con impianti a condensazione e canne fumarie con sfiato esterno. 

«Mai finora avevo gestito un'operazione tanto complicata e piena di ostacoli - commenta il direttore del CIT, Paolo Toscano - ma ormai siamo in dirittura d'arrivo almeno per l'intervento di Caselle dove procederemo subito all'efficientamento energetico e poi al rifacimento della fognatura e di Mappano in via Torazza dove gli interventi saranno effettuati dall'azienda del Gruppo Italgas Sea Side. Rimane invece al palo l'intervento in via Generale Dalla Chiesa per i ben noti problemi con le banche che rifiutano di acquistare il credito di imposta, costringendo le aziende che si sono aggiudicate i lavori ad esporsi finanziariamente a proprio rischio, o a rinunciare al lavoro».

La decisone di procedere prima di tutto  con l'efficientamento energetico è dettata dai tempi: entro il 30 giugno 2023 se non tutto dovrà essere realizzato almeno il 60% dei lavori ed entro il 31 dicembre 2023 tutto dovrà essere concluso.

«Noi contiamo di concludere tutto - prosegue Toscano - entro il 31 ottobre 2023. Tra poco più di un anno esatto. Sappiamo ci saranno disagi per i residenti e chiediamo quindi di avere pazienza. Non potremo certo fare diversamente, ma poi almeno seppure arzialmente tutti i problemi di questi anni saranno risolti». 

Non stupisca quel "parzialmente" pronunciato da Toscano: il CIT avrebbe optato per l'abbattimento e il rifacimento ex novo dei tre corpi del complesso di Caselle, ma con votazione a maggioranza gli inquilini hanno scelto la soluzione della ristrutturazione che porterà di certo un miglioramento, ma non la soluzione totale dei problemi.

L'intervento di Caselle ammonta d oltre 15,6 milioni di euro per 168 alloggi, mentre per le tre torri di Mappano (dove per inciso scomparirà anche la statua di Ornella Muti che tanto fece discutere in passato) l'investimento è di 6 milioni 367mila euro.

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703