Sab, 25 Giu, 2022

Emergenza siccità, Iren in soccorso dell'agricoltura canavesana: aprirà le paratoie per portare acqua nell'Orco

Emergenza siccità, Iren in soccorso dell'agricoltura canavesana: aprirà le paratoie per portare acqua nell'Orco

Accordo con la Coldiretti  per consentire un turno di irrigazione

Sta diventando sempre più critica la situazione per Comuni e settore agricolo per cui manca l'acqua per l'irrigazione dei campi. 

A questo proposito Coldiretti Torino ha sottoscritto un accordo con Iren che gestisce la diga di ceresole Reale e nei prossimi giorni aprirà le paratoie  rilasciando nel torrente Orco 6 metri cubi al secondo, acqua che consentirà a 5.500 agricoltori l’irrigazione di 8.500 ettari in Canavese.

Il rilascio occasionale durerà una settimana, il tempo necessario per consentire di effettuare un intero turno di irrigazione delle colture e permettendo così di soccorrere le piantagioni di mais e i prati a sfalcio che stanno subendo i danni maggiori della siccità.

La decisione è frutto di un incontro richiesto da Coldiretti dove erano presenti il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici, il presidente di Coldiretti Piemonte, Roberto Moncalvo, l’amministratore delegato di Iren Energia Spa, Giuseppe Bergesio, e Danilo Rossetto, presidente della sezione Coldiretti di Chivasso e consigliere del consorzio irriguo del Canale di Caluso che, attraverso le sue 92 prese per 32 km rende possibile l’agricoltura tra Caluso e Chivasso.

Oltre a questa settimana di soccorso irriguo le parti hanno convenuto di avviare un tavolo permanente per garantire l’apporto necessario al canale Caluso in caso del perdurare delle condizioni di siccità.

La captazione ottimale del canale alla presa di Spineto sull’Orco è di 10,5 metri cubi. Con questo rilascio dalla diga di Ceresole, che si somma all’apporto della rete di corsi d’acqua delle valli Orco e Soana, la captazione arriva a 9 metri cubi al secondo, sufficiente per garantire un’irrigazione d’emergenza a tutte le aziende agricole consorziate al canale di Caluso.

«Si tratta di un accordo importante – osserva il presidente di Coldiretti Torino, Mecca Cici – nel segno dell’uso plurimo della risorsa idrica sempre più preziosa. È importante anche che l’irrigazione sia garantita a tutti gli agricoltori del territorio servito dal canale Caluso proprio ora che il mais che sta crescendo, è ancora verde e si può ancora salvare. Tra due settimane sarebbe stato troppo tardi. A questo proposito ricordo che non possiamo permetterci di perdere nemmeno una pannocchia, nel momento in cui non arriva mais dall’Ucraina e dalla Russia».

Il bacino artificiale di Ceresole Reale fa parte del sistema idroelettrico della valle dell’Orco che comprende i bacini dell’Agnel e del Serrù oltre alle dighe di Teleccio, Eugio e Valsoera nel vallone di Piantonetto. La concessione è per l’uso idroelettrico. Ha una capacità di invaso di 34 milioni di metri cubi ma già la scorsa estate mostrava i segni della mancanza di innevamento diventando uno dei simboli nazionali dell’inverno siccitoso con il suo alveo quasi asciutto.

Image

Torino e area metropolitana

Non Solo Contro

Il giornale è a cura dell'Associazione Culturale onlus NonSoloContro.
Registrazione n. 2949 del 31/01/2019 rilasciata dal Tribunale di Torino
Direttore responsabile: Nadia Bergamini

Per la pubblicità

ABC Marketing e Comunicazione 
P.I. 124160015

abc.marketing.comunicazione@gmail.com

 Tel.: 3935542895 - 3667072703